Esserci in un momento difficile: Ilaria Puglisi
Esserci in un momento difficile: Ilaria Puglisi
9 Novembre 2020
L’inaspettata forza dei bambini: Francesca Conti
L’inaspettata forza dei bambini: Francesca Conti
9 Novembre 2020

Un prodotto preziosissimo: Korinne di Leo

Un prodotto preziosissimo: Korinne di Leo

Un prodotto preziosissimo: Korinne di Leo

Per me è molto difficile comunicare la preziosità del prodotto con cui lavoro, che è molto delicato e deve mantenere alti standard di qualità e di sicurezza: sto parlando delle cellule staminali. Ci vuole moltissima attenzione nel trattarle e c’è dietro anche molto lavoro burocratico. Più nello specifico, mi occupo della manipolazione dei prodotti cellulari prima della loro infusione nel paziente alla fine della radioterapia. Sono poi i medici ad occuparsi dell’infusione vera e propria.

Le staminali sono estremamente utili per i nostri pazienti perché hanno un effetto ricostituente e immunoterapico. Mi spiego meglio: queste cellule diventano globuli rossi, globuli bianchi o piastrine oppure possono andare a combattere le cellule tumorali ed è proprio questo il loro effetto immunoterapico.

L’attività di manipolazione delle cellule staminali non mi porta ad avere contatti diretti con i pazienti, ma mi capita di incontrare i bambini durante le attività di day-hospital: ecco che così quando manipolo le staminali conosco i volti dei bimbi a cui andranno. Ma c’è un aspetto in particolare del mio lavoro che mi mette in difficoltà: io sono di Bologna, per cui mi capita di incontrare in reparto persone che conosco e che portano qui i loro figli ammalati. Sono situazioni per cui, nonostante la lunga esperienza che ho maturato in Oncologia Pediatrica, non ci si sente mai preparati fino in fondo.

La Dott.ssa Korinne Di Leo conduce il progetto Gestione di percorsi di certificazione per la sperimentazione di nuovi farmaci in ambito Onco-ematologico inserito nell’Accordo Quadro 2019-2023 che Ageop Ricerca ha siglato con l’Azienda Ospedaliero Universitaria e con cui si è impegnata a sostenere 17 progetti di ricerca scientifica condotti all’interno del reparto di Oncoematologia Pediatrica del Policlinico di Sant’Orsola.

Dona