13  January
0

Bilancio Sociale 2014 di AGEOP RICERCA ONLUS

E’ stato presentato il 14 dicembre 2015 il primo Bilancio Sociale di AGEOP RICERCA ONLUS.

Alla presentazione, avvenuta al Campogrande Concept (area privata di Palazzo Pepoli Campogrande a Bologna) sono intervenuti  Stefano Zamagni – Docente, Economista e ex Presidente Agenzia per il Terzo Settore, Davide Conte, Assessore Cultura del Comune di Bologna e redattore del Bilancio Sociale AGEOP, Flavia Franzoni – Comitato Scientifico Iress, e Roberta Zampa – Presidente AGEOP RICERCA ONLUS.

Tutto il dibattito si è incentrato sulla necessità di fare emergere l’impatto che l’intervento delle Associazioni di Volontariato ha sull’intera comunità, arrivando ad incidere non solo sulla qualità della vita dei loro diretti destinatari, nel caso di AGEOP i bambini oncologici e le loro famiglie, ma su quello dell’intera società. “L’ Attività di AGEOP – spiega un consigliere – si sviluppa molto anche fuori dallo spazio ospedaliero. Obiettivo è proprio quello di essere il più vicino possibile ai bambini e alle loro famiglia e intervenire positivamente nel complesso panorama sociale che si genera quando un bambino si ammala di tumore”. Per mantenere in vita sinergie virtuose tra associazionismo, pubblico e privato è indispensabile fare emergere quanto sia esteso l’impatto sociale e identificare percorsi condivisi che possano portare a risultati sempre maggiori.

“Come genitori di bambini malati – spiega Francesca Testoni, Responsabile AGEOP – abbiamo imparato che il benessere di ogni individuo non può derivare da un singolo intervento di aiuto o prestazione terapeutica. E’ importante adoperarsi per consolidare le relazioni esistenti e creare nuovi legami e sinergie. La tela di solidarietà che i genitori tessono si propaga alla società, ai volontari, alle Istituzioni. Sorge in seguito la necessità di confronto con altre associazioni per scambiare esperienze e promuovere azioni condivise, cultura condivisa che travalichi frontiere geografiche o politiche. Perché l’azione solidaristica, per sua natura, non può rimanere circoscritta dentro i confini limitati di un reparto o di una città, ma si allarga a macchia d’olio”.

La conclusione è arrivata da Davide Conte con una riflessione sull’Innovazione. “Si sente spesso parlare del ritardo del nostro Paese nell’innovazione – ha considerato l’Assessore. La colpa di questo ritardo è attribuita ora al modello formativo ora agli scarsi investimenti in Ricerca ma molto più spesso deriva dalla scarsa capacità di definire gli ambiti specifici in cui sviluppare la Ricerca e Sviluppo. Nel caso di Ageop l’ambito dell’Innovazione è ben definito: la cura della persona, il Bambino e la sua famiglia. La presentazione si è conclusa con la premiazione delle aziende che nel 2015 hanno dimostrato ad AGEOP la maggiore solidarità, offrendo contributi alla Realizzazione dei progetti per i piccoli pazienti.

Area Download

Bilancio Sociale 2015

Bilancio Sociale 2015 – Sintesi grafica

pc

Iscriviti all'evento

Please wait...